MARIGLIANO AL VILLAGGIO DELL’INNOVAZIONE

Innovation Village, fiera annuale dedicata all’innovazione e alle nuove tecnologie, torna alla Mostra d’Oltremare dal 5 al 7 Aprile 2018 (Ingresso Libero).

Organizzata da Knowledge for Business con il supporto di Regione Campania, prevede:

70 eventi tra workshop, convegni e tavoli di lavoro;

200 tra relatori e testimonial;

150 aziende  e 150 incontri b2b fissati.

Innovation Village si consolida come rete degli innovatori, in grado di proporre l’eccellenza delle nuove tecnologie, della ricerca, e delle opportunità per imprese, startup, professionisti e giovani.

Adoperare un approccio smart, non significa solo realizzare infrastrutture e servizi ma anche rispondere alle sfide sociali che le città del presente prossimo venturo impongono di risolvere. Può dirsi intelligente una comunità o una città se è in grado di percepire e soddisfare i bisogni dei cittadini, di generare benessere e qualità in modo sostenibile, di garantire cittadinanza e partecipazione a tutti i suoi membri.

Nei 3000 mq dell’area espositiva si ritroveranno i protagonisti del piano nazionale di sviluppo Impresa 4.0 e si discuterà di tutti gli strumenti messi in campo dal piano e delle opportunità connesse.

In questa rete, grazie alla collaborazione stretta con l’Ateneo Federiciano, entra con forza il Comune di Marigliano, con il nascente Marigliano Contamination LAB finanziato con la misura “Benessere Giovani”. Un laboratorio sperimentale sulle nuove tecnologie dell’Internet of Things (IoT), che ha l’obbiettivo di creare una connessione tra i giovani e le aziende del nostro territorio e la rete di acceleratori di impresa.

La Federico II è presente alla terza edizione di Innovation Village con un’area espositiva di 50 mq in cui è dato ampio risalto alle realizzazioni di prototipi sviluppati dai dipartimenti, spinoff, anche in collaborazione con aziende, sul tema dell’Industria 4.0 e dello sviluppo sostenibile.

L’obiettivo specifico dell’evento è supportare nel Meridione il processo di adeguamento e innovazione delle imprese e delle professioni verso i nuovi scenari tecnologici. Un Villaggio dell’Innovazione che vede coinvolte le reti di Confartigianato, Confindustria, la partecipazione dell’Assessorato della Regione Campania all’Innovazione, dell’Università degli Studi di Napoli Federico II.

Tra i protagonisti di questa nascente smart communities cittadina, e nodo centrale della contaminazione con altri saperi, è Francesco Bonavolontà (https://www.facebook.com/uninafablab/) Mariglianese, ricercatore alla Federico II, coordinatore del progetto “Benessere Giovani”, ha curato la selezione dei progetti e l’organizzazione dell’area espositiva dell’ateneo.

Alcune delle innovazioni presenti ad Innovation Village:

E-LISA Srl, startup innovativa napoletana che ha dato vita a un algoritmo che consente la diagnosi accurata in 3D delle fratture dell’omero e l’indicazione automatica dell’approccio chirurgico più adatto al caso in esame;

BIOlogic, il primo BioFabLab del sud Italia che ha messo a punto il progetto Scobyskin, un processo di realizzazione di cellulosa per utilizzi rivolti all’artigianato, alla moda e al design.

Il Centro per l’Artigianato Digitale (CAD), nato a Cava de Tirreni, uno spazio inedito in cui gli artigiani e i maestri del Made in Italy hanno la possibilità di partecipare ad un percorso innovativo di aggiornamento professionale sull’uso delle nuove tecnologie digitali della durata di 12 mesi.

Giffoni Innovation Hub, la creative agency promossa dal Giffoni Experience che genera opportunità, strategie, eventi e format educativi rivolti alle nuove generazioni con l’obiettivo di formare ragazzi competitivi, capaci di orientarsi nel mondo dell’innovazione, della cultura digitale e delle industrie creative;

Cubbit, il device IoT che trasforma gli hard disk esterni in Cloud semplicemente collegandoli a un router e che ribalta ribalta la logica tradizionale: più memoria si aggiunge al Cloud, più il prezzo del servizio diminuisce.

9 le proposte e i progetti innovativi presentati dalla Federico II in diverse aree tematiche, ad opera della Task Force di Ateneo che si configura come un gruppo strutturato di studiosi di elevata qualificazione e a forte carattere interdisciplinare.

By | 2018-03-29T21:01:34+00:00 marzo 29th, 2018|Cultura e Eventi|0 Comments

Leave A Comment