Perché qui

Marigliano Street è una proposta editoriale digitale che vuole essere punto di incontro e confronto tra idee, proposte e progetti che mirino alla valorizzazione, alla tutela ed allo sviluppo degli assetti sociali, culturali ed economici del nostro territorio.

Marigliano Street sarà punto di informazioni e di contatto tra tutti gli attori, Istituzioni e cittadini, con l’obiettivo di costruire una rete ed uno scambio di conoscenze, storie ed esperienze.

Tra i fondatori di questo progetto ci sono diversi membri del Partito democratico cittadino, ma l’intenzione non è quella di realizzare il sito del partito, bensì un contenitore, un luogo di approfondimenti e confronto sui temi che principalmente interessano e coinvolgono la vita cittadina.

Non solo fatti di cronaca o informazione istituzionale, ma sopratutto storie, persone e personaggi che ci aiutino a delineare i caratteri della nostra comunità, a definire i contorni di una identità troppo spesso fluida ed incerta, a recuperare e promuovere simboli e valori del nostro immaginario comune.

Identità e memoria, tra di loro strettamente connessi, costituiscono dunque gli assi di riferimento intorno ai quali occorre favorire la partecipazione ed il contributo di ciascuno. Senza un continuo confronto tra lo stato attuale e ciò che si è stati, tra le interazioni di miti e riti e le loro proiezioni, non si avanza, non si cresce, ma privi di rotta ci si incammina alla deriva.

Le identità collettive definiscono appartenenze, non esistono di per se, ma solo nella misura in cui i loro membri le professano, le curano, le rendono attuali; il loro grado di solidità, il loro fondersi in una comunità, è direttamente proporzionale all’interazione ed alla partecipazione di ognuno.

Questo contenitore può essere dunque, insieme alla realtà, e mai in alternativa ad essa, uno spazio di partecipazione innanzitutto, aperto al contributo di chi ha come obiettivo la crescita sociale e culturale del nostro habitat, di chi ha la speranza e la voglia di migliorare la qualità e le condizioni di vita della collettività.

Questo sito non ha vessilli da difendere, ne territori elettorali da conquistare, il che non significa che non sia spinto da profonde motivazioni politiche, ma le interpreta e le promuove senza steccati ideologici o culturali, senza padroni o padrini, al soldo ed alla convenienza di malcelati sponsor commerciali o imprenditoriali. I costi accessibilissimi del publishing digitale ce lo consentono.

Abbiamo fissato in sei sezioni, le principali aree informative e di partecipazione, consapevoli e fiduciosi che i suggerimenti e le proposte di ogni singolo utente possano renderlo sempre un oggetto vivo e mutevole, un working progress capace di adattarsi alle spinte e alle esigenze del divenire democratico e collettivo.

Opereremo nella logica dell’accoglienza e del confronto di ogni idea, di ogni proposta che abbia i caratteri, innanzitutto della buona educazione e del rispetto altrui, che rappresenti un serio contributo al confronto ed allo stimolo di crescita e miglioramento delle attuali condizioni politiche e sociali, per tutto il resto, gli sfoghi da cortile, le invettive gratuite o prezzolate, ai cosiddetti haters di professione, consigliamo di continuare ad usare, così come già accade, i più diffusi social online.

A tutti dunque l’augurio di un buon lavoro, che premi la qualità, l’impegno, la disponibilità alla partecipazione attiva e costruttiva che ci renda migliori come persone e come comunità.

Antonio Sullo

By | 2017-11-14T11:53:35+00:00 novembre 14th, 2017|In primo piano|0 Comments

Leave A Comment